LogoUNIVERSITA' DELLA TERZA ETA'
del Centro Storico di Venezia

Storia - Massimo Giacomazzo

Logo Regione VenetoProgetto è finanziato all'80% dalla Regione Veneto con risorse statali del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali
Nell'immagine del filmato che si vuole vedere premere su per farlo partire e su per vederlo a schermo intero.
16 L'alzaia di Ca'Roman Visualizzazioni 56
DISCUSSIONE
15 La caldaia delle salsicce Visualizzazioni 54
DISCUSSIONE
14. La Belle Epoque con Giovanna Patrizia Brunitto Visualizzazioni 65
DISCUSSIONE
13. La riscoperta della donna Visualizzazioni 86
DISCUSSIONE
10-05-2021 14:44 - Massimo Giacomazzo
Vi consiglio anche la visione del video della conferenza che ho fatto assieme alla mia amica Patrizia Brunitto sulla riscoperta della donna che potrete trovare al link https://www.youtube.com/watch?v=XQV2rXDJvvA .
12. La Sindone Visualizzazioni 48
DISCUSSIONE
11. La rivolta delle donne Visualizzazioni 95
DISCUSSIONE
10. Il costume medievale Visualizzazioni 115
DISCUSSIONE
9. Il costume sportivo Visualizzazioni 77
DISCUSSIONE
8. Un giorno di fuoco Visualizzazioni 114
DISCUSSIONE
7. Il giorno dell'infamia Visualizzazioni 94
DISCUSSIONE
6. La giornata della Memoria Visualizzazioni 138
DISCUSSIONE
16-05-2021 21:04 - Massimo Giacomazzo
Caro Roberto, grazie per la tua curiosità. Bisogna ricordare la profonda differenza storica e culturale tra le due visioni razziste: in Germania il Nazismo vedeva gli Ebrei come i traditori della patria, che avevano condotto il paese alla sconfitta e all'umiliazione del 1918, lucrando vigliaccamente ai danni dei combattenti e della popolazione ridotta peggio che alla fame. Questo sarebbe stato dovuto all'intrinseca e maledetta natura bestiale di chi aveva tra le altre condannato a morte Gesù, non tanto per motivi religiosi coincidenti con la riforma luterana, ma a dimostrazione della loro mancanza di qualsiasi valore umanitario, una macchia incancellabile neppure per chi, vedi il padre di Anna Frank, aveva combattuto valorosamente nelle armate del Reich di Guglielmo II- Farli odiare dai nuovi tedeschi fu insomma relativamente facile. In Italia al massimo c'era una sottile diffidenza per le pratiche un po' strane degli aderenti a quella religione, per il loro riserbo culturale dovuto a secoli di difficile convivenza nei paesi che li avevano ospitati nei secoli successivi alla loro dispersione. Hitler era ovviamente consenziente alla promulgazione di leggi contro la loro libertà, ma molti storici ritengono che dietro la facciata non fosse particolarmente entusiasta dell'omaggio del suo "amico" Mussolini, interpretandolo correttamente come un gesto di "ruffianeria" maldestra (mi sia permesso il termine) per ottenere in cambio accondiscendenza alla politica estera del Fascismo e, magari, armamenti moderni per le Forze Armate italiane, palesemente rimaste ancorate alle tecniche e alle esigenze della Grande Guerra. Non a caso la promulgazione delle leggi razziali partì dal fumoso e poco credibile, nonché falso soprattutto nei suoi presupposti storici, dibattito a sancire l'esclusività della razza italiana, fermo restando il sostanziale pacifismo della maggior parte dei nostri genitori o nonni. Come dire: sarebbe stato più facile far "odiare" un interista ad uno sfegatato juventino. Scherzi a parte dalle nostre parti mai si era pensato ad uno sterminio degli Ebrei: se penso alla mia venezianissima famiglia, immaginare che nel corso del tempo (anche solo limitandolo al periodo dal plebiscito del 1866) non fosse stata "infettata" da qualcuno di religione ebraica è ridicolo; per dirne una mia nonna paterna era ungherese con origini che si perdevano nell'Austria napoleonica. Le leggi furono insomma un parto di italianissima complicazione che, per mezzo di pindarici arzigogoli, tendeva a limitare la libertà degli Ebrei, in teoria al pari di qualsiasi non appartenente alla razza italiana, un pasticcio mal digerito in Francia ed Inghilterra, ma anche nei paesi scandinavi (per dirne una) che intrattenevano importanti rapporti commerciali e militari col nostro paese. Nel suo diabolico pensiero, Hitler aveva ben capito che quella manovra avrebbe intaccato il prestigio del suo camerata meridionale, che gli Italiani non avevano la corretta determinazione teutonica, per cui tenne per sé (e fece bene dal suo malvagio punto di vista) i progetti che avevano già portato all'istituzione di Dachau in Austria e di altri campi-pilota in zone periferiche o poco abitate del Reich, della serie gli Italiani erano troppo chiacchieroni (ma va!). Per quanto ne so, Mussolini non agì in base ad influenze dirette o istruzioni dell'alleato, incontri o documenti ufficiali: sapeva "incasinarsi" tanto bene da solo (scusa il termine). In questo momento non posso spingermi oltre, ma ti suggerirei di passare in campo dei Miracoli, dove c'è il negozio di libri vecchi e antichi del mio amico Claudio. Di sicuro ti trova quello che ti serve a completare la tua curiosità... ha, ha, è meglio di mago Merlino. Buona serata. Massimo
10-03-2021 17:03 - Roberto Laghi
Egr.prof. tornando alle leggi razziali del 38 e quindi alla questione razziale mi piacerebbe sapere in che modo la Germania di Hitler ha influenzato l'Italia e quindi Mussolini. Sarò più chiaro. I due paesi hanno discusso la questione assieme oppure Hitler ha convinto Mussolini della necessità di combattere l'ebraismo. Se si come si è manifestata la cosa: con un incontro, una lettera un trattato o quant'altro. La ringrazio buona sera.
5. Tutankhamon (CLICCA QUI PER SCARICARE LA DISPENSA) Visualizzazioni 150
DISCUSSIONE
4. Storicamente Indimenticabile Visualizzazioni 211
DISCUSSIONE
3. Il Mistero del Sacro Graal Visualizzazioni 191
DISCUSSIONE
2. Misteri dell'Universo Visualizzazioni 162
DISCUSSIONE
1. Essere VAMP Visualizzazioni 381
DISCUSSIONE
Introduzione al corso Visualizzazioni 396
DISCUSSIONE
Sito sviluppato da
Ve.Net Software & Servizi S.r.l.
Universita' della terza Eta' del Centro Storico di Venezia
S. Marco 4571/C - 30124 - VENEZIA
Tel 041.5225336 e-mail: segreteria@uniteve.com
Codice fiscale 94009760276
Site Map